info
info

Consequences

 

Jay Heikes — Consequences
Lingua: EN / IT
Dimensioni: 190 x 260 mm
Colore
Pagine: 80
Softcover
Editor: Jay Heikes
Autori: Adrienne Drake, Jay Heikes and Conny Purtill
Editorial Coordination: Costanza Paissan
Design: Walter Santomauro
Edizione di 499 copie
Anno: 2016

ISBN 978-88-99776-02-2
PREZZO: 18€

 

Il libro Consequences è stato pubblicato in connessione con la mostra di Jay Heikes, con il contributo di Felix Culpa, Jessica Jackson Hutchins, Ari Marcopoulos, Josiah McElheny, Todd Norsten, Conny Purtill, Justin Schlepp, Gedi Sibony, Michael Stickrod, The Unknown Artist, e il fantasma di Lee Lozano, tenutasi a Fondazione Giuliani per l’arte contemporanea, Roma,  dal 10 Ottobre al 12 Dicembre 2015.

Il libro include una corrispondenza tra Jay Heikes e Adrienne Drake sul processo di collaborazione del progetto, una serie di “headnotes” dell’artista su molte delle opere esposte, un testo di Conny Purtill e una mappa visuale di Sarah Lehrer-Graiwer. I testi sono accompagnati da un’ampia selezione di foto di installazione e di lavori presenti in mostra, consentendo al lettore di approfondire il quadro visivo, spaziale e concettuale dell’intero progetto.

  • Beauty Codes (order/disorder/chaos) Act IIinstallation view at #kunsthallelissabon, Lisbon, 2015, photo Bruno Lopes
  • Beauty Codes (order/disorder/chaos) Act IIinstallation view at #kunsthallelissabon, Lisbon, 2015, photo Bruno Lopes
  • Lili Reynaud-DewarWhy should our bodies end at the skin, 2012, photo Bruno Lopes
  • Beauty Codes (order/disorder/chaos) Act IIinstallation view at #kunsthallelissabon, Lisbon, 2015, photo Bruno Lopes
  • Haris EpaminondaUntitled #03 tf, 2014, photo Bruno Lopes
  • André RomãoNotes on the history of violence (ghost version), 2015, photo Bruno Lopes
  • Jacopo MilianiFax and Rope, 2014, photo Bruno Lopes
  • André RomãoSleep, 2015, photo Bruno Lopes
  • Beauty Codes (order/disorder/chaos) Act IIinstallation view at #kunsthallelissabon, Lisbon, 2015, photo Bruno Lopes
  • Haris EpaminondaUntitled #11 tf, 2014, photo Bruno Lopes
  • Beauty Codes (order/disorder/chaos) Act IIinstallation view at #kunsthallelissabon, Lisbon, 2015, photo Bruno Lopes
  • Luca FrancesconiCreationism, 2015, photo Bruno Lopes

Beauty Codes a Kunsthalle Lissabon

27 luglio > 26 settembre 2015

 

Un progetto ideato da CURA., Roma, Fondazione Giuliani, Roma e #kunsthallelissabon, Lisbona

 

ATTO II
#kunsthallelissabon, Lisbona

con Lili Reynaud-Dewar, Haris Epaminonda, Luca Francesconi, Jacopo Miliani, André Romão, Daniel Steegmann Mangrané

 

dal 27 luglio al 26 settembre 2015

 

At the origin of modern thought there is a contrast between order and disorder, “contrasting impulses and tendencies, the modular combination of which produces in every epoch the work of art.” Taking Friedrich Nietzsche’s The Birth of Tragedy as a point of reference, the exhibition Beauty Codes (order/disorder/chaos), is a collaborative project between three international art spaces, CURA., Fondazione Giuliani and #kunsthallelissabon, which unfolds over a six-month period, in three consecutive legs. Loosely constructed around the narrative codes of Greek Tragedy, the exhibition begins with a single voice, then shifts – through the work of twelve international artists – to a gradual process of layering and accumulation, which disrupts the original order with multiple viewpoints, fractured boundaries and subverted roles, finally transitioning to a subsequent subtraction with a new set of objects and traces of previous actions. The complete exhibition cycle is a trajectory from a state of order and harmony, to disorder and chaos, leading to the formation of a new order and quietude.
The project’s Prologue took place in CURA. with the installation Why Should Our Bodies End At The Skin? (2012) by Lili Reynaud-Dewar, a work which serves as the link between the three parts of a play performed on three separate stages, and which was present in a different form in Act I, the group exhibition at Fondazione Giuliani, which also included works by Pedro Barateiro, Pablo Bronstein, Haris Epaminonda, Fischli/Weiss, Jacopo Miliani, Amalia Pica, Alexandre Singh and Daniel Steegmann Mangrané.

Besides Lili Reynaud-Dewar, #kunsthallelissabon’s Act II of Beauty Codes will feature works by Haris Epaminonda, Luca Francesconi, Jacopo Miliani, André Romão and Daniel Steegmann Mangrané.

#kunsthallelissabon is generously supported by Secretaria de Estado da Cultura/Direção Geral das Artes (DGArtes), Teixeira de Freitas, Rodrigues e Associados and by EDP Foundation.

  • Beauty Codes (order/disorder/chaos)installation view at Fondazione Giuliani, Rome, 2015, photo Giorgio Benni
  • Daniel Steegmann Mangranè/ (- \, 2013 (Inês & Josè Pereira de Jesus. Courtesy the artist and Múrias Centeno, Porto-Lisboa)
  • Beauty Codes (order/disorder/chaos)installation view at Fondazione Giuliani, Rome, 2015, photo Giovanni Panebianco
  • Haris Epaminonda Untitled, 2014 (Courtesy Galleria Massimo Minini and the artist)
  • Beauty Codes (order/disorder/chaos)installation view at Fondazione Giuliani, Rome, 2015, photo Giorgio Benni
  • Alexandre SinghDandy, 2013 (Raffaella e Stefano Sciarretta's Collection, Nomas Foundation, Rome)
  • Beauty Codes (order/disorder/chaos)installation view at Fondazione Giuliani, Rome, 2015, photo Giorgio Benni
  • Beauty Codes (order/disorder/chaos)installation view at Fondazione Giuliani, Rome, 2015, photo Giovanni Panebianco
  • Haris Epaminonda Untitled #11 t/b, 2014 (Courtesy Galleria Massimo Minini and the artist)
  • Beauty Codes (order/disorder/chaos)installation view at Fondazione Giuliani, Rome, 2015, photo Giorgio Benni
  • Alexandre SinghBullen, 2013 (Courtesy Jacaranda Caracciolo Collection, Rome)
  • Amalia PicaA∩B∩C (line), 2013 (Courtesy Coll. Fundação de Serralves – Museum of Contemporary Art, Porto, Portugal. Aquisition in 2013)
  • Amalia PicaA∩B∩C (line), 2013 (Courtesy Coll. Fundação de Serralves – Museum of Contemporary Art, Porto, Portugal. Aquisition in 2013) photo Giovanni Panebianco
  • Pablo BronsteinYoung man spills cremated remains onto the floor I, 2012 (Courtesy the artist and Galleria Franco Noero, Turin)
  • Fischli and WeissThe Way Things Go, 1987 (© Peter Fischli David Weiss Zürich | Courtesy SprüthMagers Berlin and London; Matthew Marks Gallery New York and Los Angeles; Galerie Eva Presenhuber, Zürich)
  • Haris EpaminondaUntitled #19 t/f, 2014 (Courtesy Galleria Massimo Minini and the artist)
  • Alexandre SinghStrumpet, 2013 (Courtesy Giuliani Collection, Rome)
  • Pedro BarateiroIs it by Mistake or Design?, 2015 (Courtesy of the artist)
  • Pedro BarateiroIs it by Mistake or Design?, 2015 (detail)
  • Lili Reynaud DewarWhy should our bodies end at the skin, 2012 (Courtesy Galerie Emanuel Layr, Vienna)

Beauty Codes (order/disorder/chaos)

22 maggio > 17 luglio 2015

 

Un progetto ideato da CURA., Roma, Fondazione Giuliani, Roma e #kunsthallelissabon, Lisbona

 

ATTO I
Fondazione Giuliani, Roma

con Lili Reynaud-Dewar, Pedro Barateiro, Pablo Bronstein, Haris Epaminonda, Fischli/Weiss, Jacopo Miliani, Amalia Pica, Alexandre Singh, Daniel Steegmann Mangrané

 

dal 22 maggio al 17 luglio 2015

 

All’origine del pensiero moderno si configura la contrapposizione tra ordine e disordine, “impulsi e tendenze antitetici dalla cui modulabile combinazione scaturisce in ogni tempo l’opera d’arte”. Partendo dallo schematico binomio elaborato da Friedrich Nietzsche ne La Nascita della tragedia, la mostra Beauty Codes (order/disorder/chaos) nasce dal lavoro congiunto di tre spazi internazionali, CURA., Fondazione Giuliani e #kunsthallelissabon e si sviluppa nell’arco di sei mesi in tre tappe successive.

 

Liberamente concepito secondo i codici narrativi della tragedia greca, Beauty Codes si apre con una voce singola e si evolve in un graduale processo di stratificazione e accumulazione che sconvolge l’ordine originario frammentandolo in molteplici punti di vista, confini distrutti e ruoli sconvolti. Alla fine, al caos segue una fase di sottrazione caratterizzata da una nuova configurazione degli oggetti e tracce rimaste delle azioni precedenti. L’intero ciclo espositivo si origina nell’ordine e nell’armonia, scorre attraverso il disordine e il caos e giunge alla creazione di una nuova condizione di quiete.

 

Il progetto è iniziato presso CURA.BASEMENT con l’installazione Why Should Our Bodies End At The Skin? (2012) di Lili Reynaud-Dewar, un lavoro che funziona come collegamento dei tre atti della piéce messa in scena su tre distinti stage e che sarà presentata in forma diversa  presso la Fondazione Giuliani. Come nella tradizione classica, la voce narrante è chiamata ad annunciare l’azione scenica prima del suo vero e proprio inizio, a spiegare gli avvenimenti e le conseguenti azioni che causano il capovolgimento dei ruoli, la moltiplicazione di forme e prospettive, il disordine e infine il ristabilirsi (in modo mai ordinato) dell’assetto precedente.

 

Il lavoro di Reynaud-Dewar, incentrato sul rapporto tra corpo, linguaggio, letteratura e identità, è parte della mise en scéne della mostra, il deus ex machina di antica memoria, la voce narrante che accompagna il complesso svolgersi dell’intera performance.
L’opera / (- \ (2013) di Daniel Steegmann Mangrané annuncia l’iniziare dell’Atto I alla Fondazione Giuliani. Varcando la soglia dello spazio espositivo lo spettatore passa attraverso quattro tende di alluminio, come se percorresse il proscenio di un palco. Questa delimitazione relazionale di spazio e movimento confonde la distinzione tra palcoscenico e pubblico, tra attore e spettatore, e anticipa ciò che sta per accadere.

 

Dopo aver percorso il proscenio, lo spettatore si ritrova al centro della scena, osservatore e partecipante, in una giustapposizione di differenti pratiche artistiche e configurazioni. I lavori di Haris Epaminonda scandiscono lo spazio espositivo come note di una composizione spaziale e concentrano la scena dell’azione mentre demoliscono le tradizionali modalità del display di una mostra. Lo spazio dell’azione è osservato dai busti in bronzo di Bullen, Dandy e Strumpet (tutto il 2013), i personaggi di The Humans di Alexandre Singh, una commedia in tre atti basata sul tema dell’introduzione del caos in un cosmo che altrimenti sarebbe ordinato e modellata sulle opere di Aristofane.

 

Al posto di realizzare una singola logica narrativa, l’Atto I costruisce una giustapposizione disordinata delle opere in cui differenti tipologie di narrazione si legano e s’intersecano liberamente per generare una sovrapposizione di trame. Qualunque traiettoria lineare è ulteriormente smantellata da una stratificazione di interventi, un contemporaneo attuarsi di perfomance che riconsiderano il ruolo degli attori e degli spettatori. I lavori di Amalia Pica, Pedro Barateiro, e Jacopo Miliani riconfigurano lo spazio con sculture in atto. Con Plans for the Construction of Paradise (2010-2013), Barateiro rompe la divisione tra autore e spettatore attraverso l’interazione con il pubblico e l’attivazione del tradizionale ruolo passivo dello spettatore. Un’allusione ai giochi, ai rituali e ai rompicapo, le miriadi di possibili configurazioni astratte di un’opera dialogano indirettamente con il lavoro ABC (line) (2013) di Amalia Pica. Sia installazione che performance, l’opera è attivata dalla continua riconfigurazione delle diverse forme in Perspex, metafora dei differenti significati, funzioni e interpretazioni della comunicazione individuale e collettiva. Nei lavori di Jacopo Miliani, la cui ricerca si pone principalmente come investigazione sulla teatralità, le sculture diventano corpi in movimento. Attraverso azioni minime, gesti raffinati e materiali semplici, gli spazi della Fondazione diventano il luogo dove il caos prende forma e lascia le sue tracce.

 

Nel video di Pablo Bronstein, Young man spills cremated remains onto the floor I (2012), presentato per la prima volta al pubblico, una mise-en-scène fortemente stilizzata raffigura un personaggio maschile la cui teatralità lo sospende tra la rappresentazione di una classica scultura greca e un cortigiano barocco. Infine, il film iconico di Fischli / Weiss, Der Lauf der Dinge (1987), trasforma oggetti quotidiani in agenti di movimento. Un percorso di azioni e conseguenze, momenti precari di equilibrio e stabilità, trasmutazione e collasso, la connessione tra causa ed effetto induce lo spettatore a interrogativi metafisici sul mondo, sul modo in cui le ‘cose’ vanno avanti.


Prologo
CURA. Roma
dal 28 aprile al 31 maggio, 2015
con Lili Reynaud-Dewar


Atto I
Fondazione Giuliani, Roma
dal 22 maggio al 17 luglio 2015
con Lili Reynaud-Dewar, Pedro Barateiro, Pablo Bronstein, Haris Epaminonda, Fischli/Weiss, Jacopo Miliani, Amalia Pica, Alexandre Singh, Daniel Steegmann Mangrané


Atto II
#kunsthallelissabon, Lisbona
inaugurazione lunedì 27 luglio
dal 28 luglio al 23 ottobre 2015
con Lili Reynaud-Dewar, Haris Epaminonda, Luca Francesconi, Jacopo Miliani, André Romão, Daniel Steegmann Mangrané

 

Con il sostegno di Bioera

  • Lili Reynaud-DewarWhy Should Our Bodies End At The Skin?, 2012. Courtesy the artist and Galerie Emanuel Layr. Photos: Roberto Apa
  • Lili Reynaud-DewarWhy Should Our Bodies End At The Skin?, 2012. Courtesy the artist and Galerie Emanuel Layr. Photos: Roberto Apa
  • Lili Reynaud-DewarWhy Should Our Bodies End At The Skin?, 2012. Courtesy the artist and Galerie Emanuel Layr. Photos: Roberto Apa
  • Lili Reynaud-DewarWhy Should Our Bodies End At The Skin?, 2012. Courtesy the artist and Galerie Emanuel Layr. Photos: Roberto Apa
  • Lili Reynaud-DewarWhy Should Our Bodies End At The Skin?, 2012. Courtesy the artist and Galerie Emanuel Layr. Photos: Roberto Apa

Beauty Codes a Cura.Basement Rome


BEAUTY CODES
(order/disorder/chaos)

 

Un progetto ideato e curato da


CURA.BASEMENT Roma
Fondazione Giuliani Roma
#kunsthallelissabon Lisbona

 

All’origine del pensiero moderno si configura la contrapposizione tra ordine e disordine, “impulsi e tendenze antitetici, dalla cui modulabile combinazione scaturisce in ogni tempo l’opera d’arte”. Partendo dallo schematico binomio elaborato da Friedrich Nietzsche ne La Nascita della tragedia, la mostra Beauty Codes (order/disorder/chaos), nata dal lavoro congiunto di tre spazi internazionali – CURA.BASEMENT Roma, Fondazione Giuliani Roma, #kunsthallelissabon Lisbona – si sviluppa, nell’arco di sei mesi, in tre tappe successive, ripercorrendo attraverso un graduale processo di stratificazione, accumulazione e successiva sottrazione, un percorso di ricerca legato al passaggio da una condizione di ordine e armonia a quella del caos, attraverso una fase in cui il lavoro di dodici artisti internazionali scompone l’assetto originario, moltiplica i punti di vista, allenta i confini dell’opera, sovverte i ruoli e dà vita infine a un nuovo ordine, a un nuovo assetto di oggetti e tracce delle precedenti azioni.


PROLOGO

CURA.BASEMENT Roma
Lili Reynaud-Dewar

 

Il lavoro Why should our bodies end at the skin? (2012) dell’artista francese Lili Reynaud-Dewar rappresenta il trait d’union di una pièce articolata in tre atti e stage distinti, quando in uno stato di ordine, armonia e quiete, il narratore-autore preannuncia il climax degli eventi successivi. Come all’interno della tradizione classica, la voce narrante è qui chiamata a introdurre l’azione scenica prima del suo vero e proprio inizio, a raccontare gli avvenimenti e le conseguenti azioni che, attraverso un percorso asistematico, arrivavano alla perdita di controllo, al capovolgimento dei ruoli, al disordine, alla moltiplicazione di forme e prospettive e infine alla ricomposizione (mai ordinata) dell’assetto precedente.
Il lavoro di Lili Reynaud-Dewar da sempre incentrato sul rapporto tra corpo, linguaggio, letteratura e identità costituisce nell’ambito della mise en scéne della mostra il deus ex machina di antica memoria, la voce narrante che accompagna il complesso svolgersi dell’intera performance. Esordisce con un assolo rivolto direttamente al pubblico in cui introduce il susseguirsi di future vicende:


Perché la pelle rappresenta la parte finale dei nostri corpi?

 

La video-performance, ambientata nell’anfiteatro romano di Arles, porta l’artista a elaborare una diversa riflessione sul corpo umano. Pur afferendo nel compiersi dell’azione alla tradizione classica, volta alla proporzione armonica e formale del corpus scultoreo, l’artista parla qui di oggetti reiterati, contravvenendo proprio a quella tradizione e annunciando, nel compromettere l’ordine stabilito, gli eventi successivi:


Penso che queste figure convulse, con le loro pose abbastanza demenziali, siano una specie di fantasia, per cui tali figure molto formali potrebbero di colpo iniziare a muoversi di loro iniziativa, emancipate dal loro ruolo nella società, e diventare trasgressive
(L.R.D.).

 

Una performance in potenza, dunque, in procinto di muoversi, danzare, ribellarsi alla misura statica che viene imposta loro. Altresì il fatto che la scena si svolga nella zona del teatro normalmente destinata al pubblico, preannuncia un sovvertimento di regole e ruoli.

 

Gli oggetti reiterati, le parti del corpo, escono dalla narrazione e si palesano nello spazio espositivo. Essi stessi, così come il suono, diventano scultura, protagonisti già di nuovi scenari. Nuovi attori, protagonisti di altri palcoscenici. La riproduzione, nello spazio reale, della forma ormai compiuta dell’oggetto scolpito, osservato altresì nel suo farsi, porta in scena un topos della storia dell’arte, quello della rappresentazione nella stessa scena dei tempi consecutivi della medesima narrazione. Ma altresì rapportato alla finzione del tempo rappreso, il prima e il dopo della stessa azione.

 

 

ATTO I

Fondazione Giuliani, Roma
opening 21 maggio
fino al 17 luglio

Lili Reynaud-Dewar, Pedro Barateiro, Pablo Bronstein, Haris Epaminonda, Fischli/Weiss, Jacopo Miliani, Amalia Pica, Alexandre Singh, Daniel Steegmann Mangrané


ATTO II

#kunsthallelissabon Lisbona
opening 27 luglio
fino a 17 ottobre

Lili Reynaud-Dewar, Haris Epaminonda, Luca Francesconi, Jacopo Miliani,
André Romão, Daniel Steegmann Mangrané