info
info

e-flux video rental, Anton Vidokle & Julieta Aranda

Fondazione Giuliani, Roma, 2010, veduta dell’installazione

e-flux video rental, Anton Vidokle & Julieta Aranda

Fondazione Giuliani, Roma, 2010, veduta dell’installazione

e-flux video rental, Anton Vidokle & Julieta Aranda

Fondazione Giuliani, Roma, 2010, veduta dell’installazione, particolare

e-flux video rental, Anton Vidokle & Julieta Aranda

Fondazione Giuliani, Roma, 2010, veduta dell’installazione, particolare

e-flux video rental, Anton Vidokle & Julieta Aranda

Fondazione Giuliani, Roma, 2010, veduta dell’installazione

e-flux video rental, Anton Vidokle & Julieta Aranda

Fondazione Giuliani, Roma, 2010, veduta dell’installazione

e-flux video rental

un progetto di Anton Vidokle e Julieta Aranda

 

e-flux video rental è un progetto artistico di Anton Vidokle e Julieta Aranda, costituito da un distributore di video gratuito, una sala proiezioni e un archivio di video e film d’artista.

 

Nato a New York nel 2004, in uno spazio nel Lower East Side al 53 di Ludlow Street, EVR è stato presentato in numerosi spazi espositivi di diverse città tra cui Francoforte, Berlino, Amsterdam, Miami, Seoul, Istanbul, Boston, Lione e Lisbona.

 

La collezione video di EVR conta attualmente circa 950 titoli, selezionati nel corso delle sue diverse presentazioni e grazie alla collaborazione di più di 130 tra artisti, curatori e critici internazionali.

 

e-flux video rental è un’esplorazione sui meccanismi di distribuzione e circolazione della video arte. Il progetto funziona come un normale video noleggio se non per il fatto che è completamente gratuito: i titoli a disposizione del pubblico possono essere visti all’interno dello spazio espositivo o direttamente a casa previa sottoscrizione di una tessera che regola modalità e tempi di prestito.

 

Per la sua presentazione italiana, ospitata a Roma negli spazi della Fondazione Giuliani per l’arte contemporanea, sono stati invitati Adrienne Drake, Ania Jagiello, Cristiana Perrella, Cesare Pietroiusti e Francesco Stocchi quali selezionatori dei nuovi video da aggiungere in archivio.

 

Gli stessi hanno preso parte alla realizzazione di una speciale programmazione di proiezioni video curata congiuntamente con Anton Vidokle, Julieta Aranda e con le curatrici del progetto.

 

In occasione della presentazione di e-flux video rental a Roma, è stato inoltre pubblicato un supplemento di approfondimento sul progetto, realizzato e distribuito in collaborazione con cura.magazine.

a conversation about e-flux video rental

cura.publishing, Roma, maggio 2010.

a conversation about e-flux video rental

In occasione della presentazione di e-flux video rental a Roma è stato pubblicato un supplemento di approfondimento sul progetto edito da cura.publishing.

Sono presenti nella pubblicazione due testi, uno di Anton Vidokle, l’altro di Julieta Aranda, pubblicati entrambi nel 2005 all’interno di “EVR catalogue vol.1” e una conversazione via e-mail con gli artisti realizzata nel corso degli ultimi mesi precedenti l’inaugurazione del progetto. Un’analisi a partire dalle premesse che conduce a riflettere su come il progetto sia arrivato alla sua probabile ultima tappa, quella romana, e a interrogarsi sul suo prossimo futuro.

Scarica il testo introduttivo (pdf)
Scarica l’intervista ad Anton Vidokle e Julieta Aranda (pdf)

Corinna Schnitt

Living a Beautiful Life, 2003, still da video.

Videoscreening a cura di Anton Vidokle e Julieta Aranda

9 > 15 maggio / 20 > 23 luglio

Jennifer Allora & Guillermo Calzadilla
Returning a Sound, 2004, 5’42’’

Michel Auder
Polaroid Cocaine, 1993, 5′

Wilson Diaz
Los Rebeldes del Sur, 11′

Jakup Ferri
An Artist Who Cannot Speak English is No Artist, 2003, 3’40’’

Jorge Macchi
La Pasion de Juana de Arco, 2003, 10′

Diego Perrone
I Verdi Giorni, 2000, 2’30″

Jozef Robakowski
From my Window, 1978-200, 19′ 20″

Corinna Schnitt
Living a Beautiful Life, 2003, 13′

Superflex
Guaranà Power, 2004, 11’15’’

MOM’s

Scrambled Eggs, 2007, still da video.

Videoscreening a cura di Francesco Stocchi

18 > 22 maggio / 29 giugno / 8 luglio

Giorgio Andreotta Calò
Volver, 2008, 4’

Haris Epaminonda
Gramophone, 2006, 2’29’’

Elisabeth McAlpine
The film footage missed by a viewer through blinking while watching the feature film “Don’t look now”, 2003, 7’17’’

MOM’s
Scrambled Eggs, 2007, 4’44’’

Alek O.
Untitled, 2007, 1’1’’

Yael Bartana

When Adar Enters, 2003, still da video.

Videoscreening a cura di Frida Carazzato e Maria Garzia

25 > 29 maggio / 30 giugno / 9 luglio

Re-telling
“Solo di recente ci siamo chiesti: “Quale funzione ha il raccontare? A che servono le storie?” e questo è già un fatto che lascia stupiti. Noi narriamo storie continuamente. Lo facciamo tutti, registriamo la nostra esperienza, forse addirittura dandole forma.” (Doris Lessing)

Abbiamo voluto sottolineare la necessità umana di raccontare storie e di volerle quasi registrare. I video selezionati difatti sono storie, racconti nati da un dettaglio preso dal reale e poi maneggiato, ricomposto, re-interpretato; invenzioni, finzioni nate da associazioni o dallo stravolgimento di un elemento, il quale diventa un documento prelevato della realtà, filo rosso della selezione.

La stessa scelta di metterli uno di seguito all’altro è in fondo una nostra nuova storia.

Michel Auder
Polaroid Cocaine, 1993, 5’

Rabih Mroué
Face a/Face b, 2002, 10’

Elisabetta Benassi
Timecode, 2000, 3’

Yael Bartana
When Adar Enters, 2003, 7’

Deimantas Narkevičius
Once in the XX Century, 2004, 7’

Józef Robakowski
The Market (rynek), 1970, 4’21’’

Santiago Sierra
Bread Cube of 90×90 cm, 2003, 14’

The Atlas Group
I Only Wish That I Could Weep, 2000, 7’30’’

Mona Vatamanu & Florin Tudor
Il mondo novo, 2004, 3’12’’

Frédéric Moser & Philippe Schwinger
Unexpected Rules, 2004, 16’06’’

Viatcheslav (slava) Mizin / Alexander (sasha) Shaburov
If I Were Harry Potter, 2003, 7’40’’

Manuel Saiz

The Two Teams Team, 2008, still da video.

Videoscreening a cura di Adrienne Drake

1 > 5 giugno / 1 luglio / 13 luglio

Ra di Martino
Not 360, 2002, 6’

Manuel Saiz
The Two Teams Team, 2008, 10’

Cindy Smith
A Conversation, 2007, 33’

Meris Angioletti
Il Rabdomante, 2006, 13’10’’

Frédéric Moser & Philippe Schwinger
Capitulation Project, 2003, 21’

Kuba Bakowski

rough sky riders/rough ver - sky r45 g65 b94/analog generator, 2010, still da video.

Jacek Niegoda

The Dissenter, 1995-2005, still da video.

Jacek Malinowski

Half a Woman, 2000, still da video.

Hieronim Neumann

Blok, 1982, still da video.

Julita Wojcik

Pust\' Wsiegda budiet solnce, 2004, still da video.

Videoscreening a cura di Ania Jagiello

8 > 12 giugno / 2 luglio / 14 luglio

Kuba Bakowski
rough sky riders/rough ver – sky r45 g65 b94/analog generator, 2010, 2’10’’

Jacek Niegoda
The Dissenter, 1995-2005, 5’

Jacek Malinowski
Half a Woman, 2000, 13’

Hieronim Neumann
Blok, 1982, 5’

Julita Wojcik
Pust’ Wsiegda budiet solnce, 2004, 9’

The Atlas Group/walid Raad

I Only Wish that i could Weep, 2000, still da video.

Videoscreening a cura di Cristiana Perrella

15 > 19 giugno / 6 luglio / 15 luglio

/barbaragurrieri/group
11AL9T20, 2009, 3’40’’

Zoulikha Bouabdellah
Croisée, 2005, 5’

Mario Rizzi
Impermanent, 2007, 16’

Jakup Ferri
An Artist Who Cannot Speak English is No Artist, 2003, 3’40’’

Sislej Xhafa
Stock Exchange, 2000, 3’01’’

The Atlas Group/Walid Raad
I Only Wish that I could Weep, 2000, 7’30’’

Gulsun Karamustafa
The Making of the Wall, 2003, 14’

Zoulikha Bouabdellah
La Robe, 2001, 3’

Cesare Pietroiusti

Pensiero Unico, 2003, still da video.

Cesare Pietroiusti

Pensiero Unico, 2003, still da video.

Cesare Pietroiusti

Pensiero Unico, 2003, still da video.

Videoscreening a cura di Cesare Pietroiusti

22 > 26 giugno / 7 luglio / 16 luglio

Cesare Pietroiusti
Pensiero Unico, 2003, 5’40’’

Ulla Von Brandenburg
5 tableaux vivants, 2004, 12’30’’

Julia Scher
No, I Never Lipsync’d, 2004, 15’36’’

Judith Barry
Casual Shopper, 1980-1981, 6’

Rabih Mrouè
bir-rooh, bid-damm, 2003, 11’